Corso per traduttori editoriali

19 settembre – 18 novembre 2011

Il traduttore editoriale. Tradurre per l’editoria

Corso pratico per traduttori editoriali – 5° edizione

Lingue di lavoro: inglese, francese, spagnolo

Qui di seguito il programma dettagliato del corso e tutte le informazioni collaterali:

Programma dettagliato:

Il traduttore e l’editoria

  • Breve panoramica dell’universo editoriale: editoria libraria, editoria periodica, prodotti editoriali aziendali
  • Presentarsi ai possibili clienti: a chi inviare il proprio cv, quali informazioni deve contenere un cv mirato alla traduzione (in campo sia editoriale sia extra-editoriale)
  • Stabilire combinazioni linguistiche e settori di lavoro
  • Come decidere le proprie tariffe
  • Servizi complementari alla traduzione: revisioni, correzioni di bozze, editing
  • Hardware e software fondamentali
  • Il traduttore in veste di lettore e scout: come compilare la scheda di lettura di un inedito e inviare una proposta editoriale a un editore
  • Eseguire prove di traduzione
  • Cenni legali e fiscali: LDA, contratti di edizione di traduzione e fiscalità

Il mestiere, ovvero l’approccio al testo editoriale

  • Le fasi di lavorazione di un libro e di un periodico: dove si inserisce il traduttore?
  • La cura redazionale: norme di base e norme della singola casa editrice
  • Scogli classici della traduzione editoriale: tradurre nomi di cose, toponimi, nomi simbolici di personaggi ecc., tradurre titoli di opere citate, tradurre titoli di capitoli e paragrafi e didascalie, gestire le citazioni  e i riferimenti culturali, gestire le note del traduttore, rivolgersi correttamente al lettore (quale allocutivo? quale registro?), gestire correttamente la struttura e l’ordine dei segmenti delle frasi e l’ordine delle frasi nel paragrafo.
  • L’ultima fase del processo di traduzione: la revisione; revisione linguistica, revisione contenutistica; la revisione di testi altrui.
  • Il traduttore come terminologo: creare glossari personalizzati efficaci e schede terminologiche complete.
  • Strumenti e risorse del traduttore editoriale: le comunità virtuali, le associazioni di categoria, risorse online quali dizionari, glossari, database termonologici ecc.

Altri argomenti si incontreranno nella parte pratica di laboratorio e verranno evidenziati dal tutor di volta in volta, in base alle caratteristiche specifiche dei testi che si andranno a tradurre.

Nella dispensa, oltre a un approfondimento degli argomenti sopracitati:

Esempi di cv mirati alla traduzione, di prove di traduzione, di schede di lettura, di contratti di edizione di traduzione, oltre a una bibliografia essenziale.

Struttura del corso:

Il corso si svolgerà interamente online e a distanza e durerà due mesi. In questi due mesi lo studente riceverà dapprima la dispensa teorica, che dovrà leggere prima di affrontare la parte pratica di traduzione. Letta la dispensa, secondo le proprie tempistiche, lo studente avrà diritto a 1 lezione individuale tramite Skype o telefono nella quale potrà discutere con il tutor degli argomenti trattati in dispensa, per la risoluzione di qualsiasi dubbio. Il giorno e l’orario della lezione andrà concordato con il tutor di riferimento. Verrà inoltre attivato un blog o piattaforma con area di accesso riservata in cui i tutor risponderanno per tutti tramite post alle domande più frequenti, con possibilità per gli studenti di commentare e interagire. Il blog rimarrà attivo per tutta la durata del corso. Sul blog, inoltre, verranno caricati contenuti extra e interviste a operatori del settore editoriale e della traduzione.

Il laboratorio pratico di traduzione a distanza, che seguirà alla lettura e al commento della parte teorica,  prevede invece la traduzione di 4 differenti tipologie di testi editoriali, di lunghezza e argomenti diversi, che il candidato potrà scegliere da una rosa in base ai propri interessi. Per ogni traduzione eseguita, lo studente riceverà via email la correzione da parte del tutor con indicazioni per apportare eventuali migliorie al lavoro svolto. Inoltre, a ciascuna correzione, dopo che lo studente avrà  preso visione delle correzioni, seguirà un incontro via Skype o telefono, in giorni e orari da concordare, per discutere eventuali dubbi sulla traduzione e sulla relativa correzione. Oltre alle esercitazioni di traduzione, verranno attivate tre esercitazioni, non obbligatorie seppur consigliate, su differenti argomenti legati all’attività editoriale (scouting, ricerca diritti e stesura schede di valutazione di inediti, editing-revisione di una traduzione), che saranno seguite da altrettante lezioni collettive (inoltre, gli studenti che eseguiranno queste esercitazioni riceveranno anche un breve feedback scritto personale su ciascuna). Verrà poi stabilita un’ulteriore lezione collettiva in cui sarà intervistato un operatore in ambito editoriale (nelle ultime edizioni è stata con noi Marina Rullo di Biblit).

Obiettivi del corso:

Fornire all’aspirante traduttore editoriale una conoscenza specifica sia sul mestiere che sull’ambiente in cui andrà a operare, fornendogli al contempo gli strumenti adeguati per cominciare a lavorare.

Obiettivo del corso è quello di illustrare il settore editoriale in tutti i suoi possibili aspetti, coinvolgendo dunque sia l’editoria libraria sia quella periodica. Inoltre, un secondo obiettivo è quello di rendere consapevole lo studente delle numerose tipologie di testi che potrà incontrare in ambito editoriale al di là della narrativa e della saggistica (varia, manualistica, scolastica, testi su supporti multimediali, varie tipologie di pubblicazioni aziendali), facendo quindi in un certo senso cadere la barriera virtuale tra traduttori editoriali (dunque non esclusivamente letterari) e traduttori tecnici. Obiettivo, dunque, è quello di far comprendere che il traduttore editoriale è una sorta di “ibrido”, capace di cimentarsi nella traduzione letteraria, ma anche di opere che comportano l’uso di linguaggi tecnici.

Obiettivo della parte pratica di esercitazioni è quello di far cimentare lo studente con testi estrapolati da lavori da noi realmente eseguiti e che comportano difficoltà di varia entità, oppure estrapolati da altri contesti che esemplifichino comunque al meglio le varie tipologie di  situazioni testuali che lo studente potrebbe effettivamente incontrare nel corso della pratica lavorativa.

A chi si rivolge il corso:

A studenti o neolaureati che desiderino intraprendere la professione del traduttore editoriale (con cenni anche alla professione del traduttore in ambito tecnico) e a traduttori tecnici che vogliano cominciare a cimentarsi in un ambito diverso da quello usuale. Il corso è altresì adatto a persone che svolgono un altro lavoro e desiderino invece cambiare professione.  Il corso è indirizzato a madrelingua italiani e per partecipare è necessaria un’ottima conoscenza della lingua di partenza: inglese, francese o spagnolo.

Costo dell’intero corso, parte teorica + parte pratica: Euro 375,00 Iva inclusa.

L’iscrizione anche a un altro corso di Langue&Parole dà diritto a uno sconto del 5% sull’importo complessivo, offerta non cumulabile con altre eventuali convenzioni.

L’importo andrà versato tramite bonifico bancario utilizzando le coordinate che verranno fornite allo studente da Langue&Parole insieme al modulo di iscrizione, che dovrà essere restituito a Langue&Parole compilato in tutte le sue parti.

Cosa viene rilasciato alla fine del corso: un attestato di partecipazione. L’attestato viene rilasciato solo a completamento di almeno il 75% delle attività obbligatorie previste dal corso.

I tutor

Marina Invernizzi

Laureata in lingue  letterature straniere presso l’Università Cattolica di Milano, è esperta in letteratura anglo-indiana. Ha “toccato con mano” un po’ tutte le professioni del settore editoriale (redattrice e correttrice bozze da Edizioni Riza, assistente ufficio diritti da Baldini Castoldi Dalai editore, giornalista per Edisport, editore quest’ultimo per il quale ha curato dal 2005 al 2011 la rubrica Stile, pagina mensile dedicata agli agriturismi e ai ristoranti presenti sul territorio nazionale) e del settore traduzioni (traduttrice freelance e project manager/revisore in-house per diverse case editrici e agenzie di traduzione italiane e straniere, tra cui l’agenzia FACI di Milano). Nel 2008 ha aperto con Luca Panzeri lo studio Langue&Parole, società che si occupa  di traduzioni, servizi editoriali e formazione per traduttori e redattori. All’attività di traduzione ha abbinato l’attività di docente di traduzione e redazione. Tra i volumi tradotti: Jean Prouvé e Charles e Ray Eames, entrambi inclusi nella collana Serie D_Dall’idea all’oggetto, editi da 22 Publishing (2008). Ha inoltre tradotto a più mani il volume di Tim Richardson, Avant Gardeners, 22 Publishing (2009) e i saggi di Frederick K. Lang “Come l’America aiutò i propri artisti a sopravvivere alla Grande Depressione”  contenuto nel catalogo Gioie e dolori nell’America degli Anni Trenta, edito dalla Biblioteca “Palazzo Sormani” di Milano (2010) e “Breve storia del Natale in Gran Bretagna e  in America”, contenuto nel catalogo della mostra natalizia Christmas Tree, edito dalla Biblioteca “Palazzo Sormani” di Milano (2010). Traduce e revisiona inoltre per periodici quali BMM Magazine, Chip, Playboy, Windows Official Magazine, iPhone Magazine, Blue-Cultura e Società e varie guide turistiche. Tra i volumi di cui ha effettuato la redazione: Alfredo Torti, Guida agli oligoelementi, Edizioni Riza, 2006; Come vivere bene la sessualità, Edizioni Riza, 2006; Come potenziare la memoria, Edizioni Riza, 2006. Tra i testi di cui è autrice: 101 alimenti super dimagranti, Edizioni Riza, 2006. Traduce inoltre nel settore tecnico, soprattutto in ambito parafarmaceutico.

Luca Panzeri

Laureato in lettere moderne presso l’Università degli Studi di Milano, è esperto del Seicento italiano. Ha lavorato come redattore, lettore-scout e revisore testi freelance per diverse case editrici (tra cui 22 Publishing e Play Media Company). Traduce e revisiona per periodici quali BMM Magazine, Chip, Playboy, Windows Official Magazine, iPhone Magazine, Blue-Cultura e Società e varie guide turistiche. In Langue&Parole si occupa, tra le altre cose, di revisione testi, ricerche terminologiche e correzione bozze, ed è docente nei corsi di traduzione e redazione. Dal 2011 è responsabile di tutta la comunicazione per la società sportiva Union Rugby Milano.

Sul blog:

Interviste e interventi da parte di personalità del mondo editoriale e della traduzione.

I nostri contatti per informazioni sul corso e per iscriversi:

Langue&Parole

info@langueparole.com

tel. 02.92.88.86.26

http://www.langueparole.com

Presto seguiranno nuovi corsi, per traduttori e redattori, sia in ambito editoriale che tecnico. Che dire… Stay tuned!

66 Risposte

  1. […] – (marzo-maggio 2010) Seconda edizione del nostro corso Il traduttore editoriale. Tradurre per l’editoria: corso pratico per traduttori editoriali […]

  2. […] } Sul nostro blog della formazione, il programma e le date della seconda edizione del corso Il traduttore editoriale-tradurre per l’editoria. Corso pratico per traduttori editoriali. Lascia un Commento Ancora nessun commento. finora Lascia un commento RSS feed dei commenti a […]

  3. Buongiorno,
    chiedo gentilmente la fascia oraria nella quale sarà proposto il corso e i giorni della settimana.
    Grazie!

    • Buongiorno Chiara,
      il corso durerà due mesi e si terrà interamente online. I corsisti avranno sempre una settimana circa di tempo per leggere la dispensa teorica e per svolgere le 4 esercitazioni di traduzione e le 3 esercitazioni editoriali (una settimana per ogni attività). I giorni di invio e di riconsegna delle esercitazioni saranno prefissati (in genere il lunedì). Per le lezioni frontali individuali (5) verrà indicata una rosa di giorni e orari all’interno della quale sarà possibile fissare l’incontro via Skype. Nel caso la rosa non si adatti alle esigenze dello studente, sarà possibile concordare un giorno/orario differente. Ci saranno poi 3 lezioni collettive, via piattaforma online con funzionamento simile a Skype, che verranno prefissate in giorni/orari in accordo con i corsisti. Spero di essere stata esauriente, ma ti invito comunque a chiamarci nel caso tu voglia ulteriori informazioni sul corso e sulle sue dinamiche.

      Ciao e grazie! 🙂

  4. Non avendo skype, come posso seguire le parti previste con il suo utilizzo?

    • Buongiorno Angela, mi permetto di darti del tu. Se non hai Skype installato, possiamo prevedere l’utilizzo di altri mezzi, tra cui una piattaforma che utilizziamo anche per le lezioni collettive e che non devi installare, ma ti basterà cliccare sul link che ti forniremo di volta in volta. Consiglio comunque a tutti l’installazione di Skype (semplice e gratuita), in quanto è un mezzo di comunicazione piuttosto utilizzato nel mondo della traduzione, quindi potrà tornarvi utile anche in futuro, quando vi immergerete nella pratica lavorativa.

      • Grazie della risposta, vi comunicherò al più presto la mia decisione riguardo l’iscrizione al corso, e seguirò i consigli. A presto Angela.

  5. Ritengo che sia d’aiuto per quanti si stanno interessando alla seconda edizione fornire un’impressione basata sulla mia attuale partecipazione alla “prima edizione”! Dopo essermi interessata a diversi corsi inerenti la formazione alla professione di traduttore, alcuni dei quali anche di tipo universitario, ho privilegiato questo corso soprattutto per la flessibilità che poteva offirmi in termini di orari e, soprattutto, grazie alla modalità di e-learning visto che mi é impossibile coniugare lavoro e famiglia con un corso tradizionale.
    A questi vantaggi iniziali ora devo aggiungere la professionalità e competenza di Langue&Parole, che ci sta fornendo tutti gli strumenti utili, sia “pratici” e “tecnici” che i piccoli “trucchi del mestiere” per affrontare una professione nuova.
    Il corso é decisamente di livello superiore alle aspettative già buone che nutrivo, e si sta confermando un’ottima scelta, che non mi ha fatto rimpiangere neanche per un minuto di essermi iscritta.
    (Per Luca & Marina: non accusatemi di piaggeria, ho voluto intervenire perché so che per chi si interessa può essere utile avere commenti di altri utenti… 🙂 CIAo)

    • Grazie Fabiola! 🙂

    • salve a tutti,
      vorrei ringraziare anch’io Fabiola, il parere di chi ha già frequentato il corso è preziosissimo per chi (come me)è interessato…soprattutto quando il parere è positivo!Saluti a tutti Martina

      • Ciao Martina,
        grazie per l’interesse, se hai bisogno di ulteriori informazioni, non esitare a chiamarci!

  6. Buongiorno,
    gradirei sapere se è previsto un numero limite di partecipanti e se alla fine del corso viene rilasciato un attestato.
    Grazie mille!
    Barbara

    • Buongiorno Barbara,
      no, non è previsto, almeno per ora, un numero massimo di partecipanti. Alla fine del corso viene rilasciato un attestato di partecipazione.
      Grazie per il tuo interesse nel corso, se ti può far piacere una chiacchierata conoscitiva, chiamaci pure al numero che trovi nell’area contatti.

      Grazie e buona domenica

      Marina

      • Lo farò sicuramente! Grazie a te Marina e buona domenica.

        Barbara

  7. Utilissimo! Grazie!

  8. Buongiorno,

    sono interessata ma vorrei sapere che titolo si ottiene al termine del corso, e se è adatto anche a traduttori di saggi e libri di storia dell’arte.

    Grazie,

    Stella

    • Buongiorno Stella,
      grazie per il tuo interesse. Alla fine del corso non si ottiene nessun titolo, ma si riceve un attestato di partecipazione. Sì, assolutamente, è adatto anche a traduttori di saggistica, anche in campo artistico. L’obiettivo del corso, tuttavia, è quello di mostrare e sottoporre ai corsisti testi editoriali estremamente diversi, dai più letterari a quelli con caratteristiche decisamente tecniche, insegnando in un certo senso a essere elastici, ma al contempo ad affrontarli, indipendetemente dall’argomento, con tutti i “criteri editoriali” sempre necessari. Ti invito a chiamarci per una chiacchierata conoscitiva!
      Ciao a presto

      Marina

  9. […] quindi prima dell’annuncio). Se siete interessati a partecipare alla seconda edizione del corso per traduttori editoriali, affrettatevi a richiedere alla moderatrice, Marina Rullo, il modulo convenzionato. L’offerta […]

  10. Buongiorno,
    Vorrei sapere se per le prove di traduzione sarà disponibile anche il rumeno, dal momento che la mia lingua di riferimento è quella. Grazie
    Mauro

    • Buongiorno Mauro, purtroppo no, le lingue delle esercitazioni saranno solo inglese, francese e spagnolo. Se hai bisogno di altre informazioni, siamo qui!

      • Grazie… Mmm, ho più dimestichezza con lo spagnolo, il corso mi sembra molto interessante e utile: rifletto ancora e poi mi deciderò se iscriverni o no.
        Saluti, M.

  11. Prego Mauro, se hai altre domande, chiama pure quando vuoi.

    Marina

  12. Buonasera,
    sarei molto interessata a partecipare a questo corso on line. Sono laureata in Lingue (francese e tedesco) e per questo volevo chiedere se era possibile fare le esercitazioni in fracese e/o tedesco al posto di inglese.
    Grazie

    • Ciao Francesca, certo, le lingue da cui è possibile fare le esercitazioni sono inglese, francese e spagnolo. Purtroppo il tedesco, almeno per ora, non è ancora disponibile.

  13. Buongiorno,
    sarei molto interessata a seguire questo corso. Io abito all’estero e, dal momento che si svolge interamente online, non credi ci siano problemi.
    Volevo sapere se si può quantificare l’impegno in numero di ore settimanali, soprattutto per il secondo mese, perché coinciderebbe con l’inizio di un altro corso (19 aprile) che durerà fino a dicembre. Non vorrei tuttavia perdere questo vostro corso che mi sembra molto interessante.
    Grazie

    • Buongiorno Fiorella,
      grazie per il tuo interesse. Le tempistiche di traduzione sono molto soggettive, ma indicativamente i testi scelti richiedono circa 1 giorno di lavoro (8 ore settimanali). Ci sono poi le lezioni fronatli, che comunque si decidono in accordo con il corsista. Se hai altre domande, non esitare a contattarci!

  14. Marina,
    potrei fare le esercitazioni in tutte e tre le lingue?
    Inglese, Francese e Spagnolo oppure avete stabilito un limite numerico.
    Grazie.

    • Ciao Claudia,
      puoi affrontare le esercitazioni nella lingua che preferisci. Il limite è di un testo per esercitazione. Questo significa, per esempio, che una volta potrai lavorare con l’inglese, la volta succesiva con il francese e di seguito con lo spagnolo. Se hai dei dubbi non esitare a chiamarci.
      a presto

      Luca

  15. Buonpomeriggio. Mi par di capire che anche le dispense verranno mandate per posta elettronica, giusto? Al momento non vivo in Italia, farei fatica a ricevere posta “normale”. Il corso mi sembra interessante, peccato per la mancanza della lingua tedesca, però. Sul russo non ci contavo, ma almeno il tedesco! Il corso mi sembra interessante, in ogni caso.
    Grazie, Simona

    • Buongiorno Simona,
      grazie per il tuo interesse. Certo, il materiale teorico verrà mandato per via elettronica, quindi nessun problema se risiedi all’estero. Il tedesco è in via di organizzazione, ma ad oggi non è disponibile. In ogni caso, se conosci l’inglese ed è una tua lingua di lavoro, tieni presente che il corso vi permette di apprendere nozioni generali relative all’approccio al testo editoriale e che comunque potrete declinare anche nelle altre lingue di lavoro (ovviamente restano escluse le problematiche insite in ciascuna lingua specifica…).
      Per altre informazioni, siamo qui!
      Grazie ancora
      Marina

  16. Buon pomeriggio. Mi pare di capire che non ci sarà una prova finale, giusto? Sono molto interessata al corso, vorrei però saperne di più circa gli incontri on line con i tutor. Sembrano molto flessibili, dunque a cosa esattamente fa riferimento la data di fine corso indicata come 14 maggio? Vi spiego il mio problema: sono molto interessata a questo corso, ma il 14 maggio è vicinissimo alla mia data presunta di parto. ovviamente spero che fili tutto liscio e il mio bimbo non nasca in anticipo, ma nel caso sarei materialmente impossibilitata a lavorare al pc. Ci sono margini?
    Spero che sia chiaro quello che mi preme sapere, vi ringrazio in anticipo della risposta!
    Irene

    • Ciao Irene,
      il termine è stato stabilito considerando il tempo necessario per svolgere (voi) e correggere (noi) ciascuna esercitazione che andrete a fare. Per le lezioni ci si può accordare tranquillamente, ma le traduzioni hanno dei tempi “forzati”. Se vuoi chiamarci, ne parliamo a voce, così ti spiego bene la struttura e la dinamica del corso.

      A presto

      Marina

  17. avrei bisogno di qualche informazione. ho 49 anni ed ho sempre insegnato inglese in istituti privati.
    ho deciso di dare una svolta alla mia vita facendo quello che sognavo appena mi laureai: tradurre un libro che mi servì per la tesi di laurea.
    non ho mai fatto un corso o master di traduzione. ho lavorato svariate volte in questo campo anche se in maniera intuitiva.
    pensavo perciò di investire in un corso di formazione che mi desse strumenti per poter diventare una professionista. però non so se il corso di traduzione editoriale sia troppo specifico per chi come ha poche conoscenze tecniche.
    vorrei sapere se sia meglio partire da un corso base che dia nozioni fondamentali oppure se puntare direttamente su qualcosa di più tecnico come immagino sia questo. un’altra domanda? che validità ha l’attestato che rilasciate?
    vi ringrazio

    • Ciao Ina,
      cercherò di essere esaustiva, per quanto possibile in questo spazio (eventualmente, chiamaci pure, così ne parliamo a voce). Questo corso è indubbiamente orentato all’editoria, quindi a una traduzione che richiede abilità e strategie specifiche. Tuttavia, non affronteremo solo testi letterari, ma anche testi più tecnici e credo che le strategie di cui parleremo per queste tipologie di testi possano tornare certamente utili anche per affrontare testi sempre tecncici, ma al di fuori del contesto editoriale. Inoltre, parlando di editoria, facciamo un continuo confronto con il panorama della traduzione nel suo complesso. Quindi, come corso “base” direi che può certamente esserti utile.
      L’attestato che rilasciamo non ha validità ministeriale, è un semplice attestato di partecipazione che potete inserire in cv come referenza.

  18. Ciao!
    mi sai dire se più avanti ci saranno altri corsi online, simili a questo? ho troppo lavoro (per fortuna!) per prendermi altri impegni in questo periodo.
    Grazie!
    Elena Sauro

    • Ciao Elena,
      sì, la prossima edizione è programmata per l’autunno (le date sono ancora da definire). Tra maggio e giugno però dovremmo riuscire a fare partire i laboratori monografici applicativi.

      Ciao!

      Marina

  19. ciao, che cosa sono i corsi monografici applicativi?

    • Ciao Ina,
      sono corsi brevi, di due-tre settimane, esclusivamente pratici, in cui si affronteranno testi specifici o si faranno esercizi su aspetti particolari del processo di traduzione. La teoria sarà solo in “pillole”, il minimo per affrontare le esercitazioni.

      • fantastico! credo saranno proprio ciò che fa per me
        teneteci informati!! 😉
        ciao

  20. davvero fantastico… ci sentiamo domani per telefono così mi dici che fare per iscrivermi al corso.
    ina

  21. @elena: certamente, non appena le date saranno definite, le troverete online.
    @ina: chiamaci quando vuoi! 🙂

    Marina

  22. Buongiorno,
    la mia situazione è molto simile a quella di Ina. Stessa età, stessa laurea, con traduzione opera inedita come tesi di laurea, e più o meno stesso percorso lavorativo. Anch’io dopo alcuni anni insegnamento e molti in ufficio commerciale estero ho deciso di cambiare. Una domanda: è consigliabile iniziare con questo corso”base” prima di affrontare i corsi monografici, o sono due realtà comunque separate ? Grazie Enrica

    • Ciao Erica,
      come ti ho risposto tramite email, i prossimi laboratori monografici hanno come requisito una conoscenza media della “materia” traduzione. Dipende quidi dalla propria situazione e formazione.

      • D’accordo, grazie. Ancora un’ultima riflessione ma quasi sicuramente inizierò con il corso base. A presto Enrica

  23. Mi sembra di aver capito dalle risposte precedenti che non esiste numero chiuso, quindi per l’iscrizione basta provvedere al bonifico entro venerdì 12?
    Grazie mille!
    Cinzia

  24. […] interessa in particolare perché la teoria che si sostiene, e che sosteniamo noi anche nel nostro corso di traduzione editoriale, è che esistono tipologie di testi editoriali altri dalla narrativa che richiedono comunque […]

  25. […] lo ha segnalato una corsista del Corso in traduzione editoriale, lo abbiamo letto (nel giro di una domenica), ci è piaciuto, ve lo segnaliamo. Si può acquistare […]

  26. […] – la terza edizione del corso in traduzione editoriale […]

  27. […] venerdì sarà l’ultimo giorno utile per iscriversi alla terza edizione del corso per traduttori editoriali. Siamo a vostra disposizione per qualsiasi […]

    • Sono molto interessata al corso di traduzione editoriale anche se mi piacerebbe approfondire maggiormente l’ambito della traduzione letteraria. Mi par i capire che è possibile scegliere le traduzione ch poi si andranno a fare come esercitazione quindi io potrei scegliere prevalentemente quelle letterarie, giusto? Naturalmente si tratta di partire da testi in inglese, francese o spagnolo, giusto? non viceversa (italiano come lingua di partenza).Anch’io, come Ina ed Enrica, sono un’insegnante di Inglese , di ruolo e vorrei seguire questo corso per puro piacere personale. Ringrazio anticipatamente per la vs gradita risposta. saluti a tutti.

      • Ciao Franca, sì, è esatto, tieni presente che comunque la rosa è composta da testi molto variegati, dal più letterario (che non vuol dire solo narrativa, ma può voler dire anche un testo giornalistico o saggistico con particolari caratteristiche) al più tecnico. Si traduce solo verso l’italiano. Ti invio via mail il modulo, come richiesto su emagister. Grazie! 🙂

  28. […] 18 aprile al 17 giugno 2011: la 4° edizione del nostro corso principe, “Il traduttore editoriale” – da inglese, francese e spagnolo. Una panoramica a 360° dell’editoria e dei suoi processi di […]

  29. buogiorno, ho una laurea in lingue e letterature straniere con tesi in linguistica inglese, con ottima conoscenza dell’inglese, ho 46 anni e sinora ho svolto un altro lavoro in campo turistico. ho un’esperienza di autodidatta nella traduzione anche se è sempre stata la mia passione, insegno anche l’inglese e vorrei sapere se posso seguire il vostro corso per avere una preparazione professionale. sarei molto interessata anche perchè è on-line e si concilia con la vita familiare. grazie miriam

  30. Buonasera a tutti, svolgo l’attività di traduttrice da circa tre anni e mi piacerebbe intraprendere la strada della traduzione per l’editoria. Questo corso mi interessa in modo particolare e mi chiedevo se può dare sbocchi lavorativi e fornire contatti per instaurare un percorso professionale nel campo dell’editoria.
    Grazie, Barbara.

  31. […] po’ webinar, un po’ laboratori. Dopo il corso principe per traduttori editoriali e la nostra serie di laboratori applicativi, arrivano i WebLab, che avranno inizio nel mese di […]

  32. […] Il traduttore editoriale. Tradurre per l’editoria […]

  33. […] disparate ragioni, è impossibilitato a seguire corsi più lunghi e articolati, come il corso di traduzione editoriale e i laboratori […]

  34. […] disparate ragioni, è impossibilitato a seguire corsi più lunghi e articolati, come il corso di traduzione editoriale e i laboratori […]

  35. Buongiorno,

    mi chiamo Rossella e sono una neolaureata in Lingue e letterature straniere specializzata in spagnolo e interessata al mondo della traduzione sia letteraria sia tecnico-scientifica.
    Purtroppo ho letto solo ora di questo corso sulla traduzione iniziato ad aprile e che oramai volge al termine. Vorrei sapere se è già prevista una quinta edizione e, in caso affermativo, per quando.
    Grazie!

  36. […] 19 settembre-18 novembre: la quinta edizione del corso per traduttori editoriali, due mesi con noi tra lezioni individuali, esercitazioni, lezioni collettive e discussioni sul […]

    • Buongiorno a tutti,

      sono RIta e sono laureata in Scienze della Mediazione Linguistica, specializzata in inglese e francese. Seguendo il profilo Facebook, sono venuta a conoscenza del corso. Vorrei sapere se è prevista una prova d’ingresso o qualcosa del genere.

      Grazie

      • Ciao Rita,
        no, non è prevista una prova di ingresso, anche se è fondamentale per partecipare avere un’ottima conoscenza delle lingue di partenza con le quali si intende lavorare. Essendo tu laureata in mediazione, non dovresti aver alcun problema.
        Ciao grazie

        Marina

  37. Ciao, mi chiamo Sara e sono una studentessa universitaria. Sto terminando la Laurea Magistrale in Traduzione e Mediazione Culturale (Inglese e Spagnolo) e sono interessata al corso di Traduttore Editoriale.
    Vorrei gentilmente sapere se riesco a seguire il corso senza problemi dato che sto preparando gli ultimi esami e scrivendo la tesi.

    Ciao e grazie,

    Sara

    • Ciao Sara, il corso richiede un impegno stimato di circa 8 ore a settimana. Devo dire che abbiamo avuto già studenti nella tua situazione e anche molte persone che lavorano full-time e non hanno avuto problemi. Se vuoi chiamarci, ci trovi allo 02-92888626. Ciao, grazie

  38. Ciao, sono Virginia
    sarei molto interessata a sapere le date del prossimo corso.
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: